Normativa

Contratto di Quartiere II: definizioni e leggi

Con la Legge n. 21 dell’8 febbraio 2001 (art. 4, comma 1) il Ministero dei Lavori Pubblici promuove il Contratto di Quartiere II un programma innovativo in ambito urbano finalizzato prioritariamente ad incrementare, con la partecipazione di investimenti privati, la dotazione infrastrutturale dei quartieri degradati di comuni e città a più forte disagio abitativo e occupazionale e che preveda al contempo, misure e interventi per incrementare l’occupazione, per favorire l’integrazione sociale e l’adeguamento dell’offerta abitativa.” I Contratti di Quartiere II sono attuati e definiti attraverso bandi elaborati d’intesa tra il Ministero e le Regioni.

Il Bando della Regione Lombardia è stato pubblicato il 13 ottobre 2003, da questa data, i Comuni in parternariato con gli altri soggetti interessati, hanno avuto a disposizione 180 giorni per stendere il progetto e presentare la domanda di finanziamento alla Regione entro il 13 aprile 2004.

Il 28 ottobre il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato il decreto n. 394, a firma del Vice Ministro on. Ugo Martinat, che approva la graduatoria delle proposte presentate in Regione Lombardia in attuazione del programma nazionale “Contratti di Quartiere II”. Le cinque proposte presentate dal Comune di Milano, in parternariato con Aler, sono state ammesse al finanziamento.

Protocollo d’Intesa
Il Comune di Milano ed Aler Milano hanno sottoscritto in data 24 ottobre 2004 un Protocollo d’Intesa che impegna i due enti a partecipare al bando, candidando i quartieri che rispecchiano maggiormente le caratteristiche richieste dalla normativa.

Modello Organizzativo

Ecco la struttura di controllo e gestione del Programma Contratti di Quartiere II. Lo schema di sintesi degli organismi responsabili evidenzia le interazioni tra i diversi livelli istituzionali e territoriali coinvolti.